Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia. Rugby, birra & salsiccia.
RB&S NEWS: 24/11/13 - Prossimamente online le foto e i racconti di Italia-Fiji (Cremona) e Italia-Argentina (Roma). 9/11/13 - Novembre 2013: a RUGBY BIRRA E SALSICCIA in arrivo novità !!!

Campioni di... Gioca Jouer!


La copertina del disco.



IL TESTO
One, two, three, four, five, six, seven, eight!
Dormire, salutare, autostop, starnuto, camminare, nuotare, sciare, spray, macho, clacson, campana, ok, baciare, capelli, saluti, saluti, Superman!

Ok ragazzi adesso cerchiamo di farlo meglio!

Ricordatevi che si parte sempre da dormire,

Fate attenzione alla differenza fra camminare e nuotare e nel finale due volte i saluti.

Fatelo bene!

«Gioca Jouer!»

Dormire, salutare, autostop, starnuto, camminare, nuotare, sciare, spray, macho, clacson, campana, ok, baciare, capelli, saluti, saluti, Superman!

One, two, three, four, five, six, seven, eight!

Ok, ragazzi, ora più veloce, perché i comandi cambiano ogni due battute, se riuscirete a farlo, d’ora in poi potrete giocare anche solo con la musica, perché sarete dei veri campioni di «Gioca Jouer!»!

Dormire, salutare, autostop, starnuto, camminare, nuotare, sciare, spray, macho, clacson, campana, ok, baciare, capelli, saluti, Superman! Alright!


Le mosse.

L'INTERVISTA
Di Luca Dondoni, da «La Stampa», 24 agosto 2005.
...1981, una serie di cose che le hanno cambiato la vita, Gioca Jouer compreso.
In verità l'idea per quella prima canzone mi venne l'anno prima. Conducevo «Scaccomatto» in tv con Pippo Franco e Laura Troschel. Alla fine della puntata dovevo ballare e per farlo imparavo a memoria i passi che mi insegnava il coreografo. Da lì l'idea di fare un disco dove ripetevo in maniera cadenzata i comandi di una coreografia è stato un attimo. La bomba fu quando mi chiesero di presentare Sanremo. Feci sentire «Gioca Jouer» al patron Ravera. Disse subito che il pezzo era troppo divertente e poteva fare da sigla alle tre serate tv. Non sto neanche a raccontarlo. Ero al settimo cielo. Cinquecentomila copie vendute solo in Italia, l'allora presidente della Fonit Cetra (quel Carlo Fontana che sarebbe diventato sovrintendente del teatro La Scala) che mi faceva i complimenti, l'esportazione del pezzo in Argentina e addirittura agli inglesi che fecero una cover arrivata poi al numero 25 della difficilissima classifica UK. In Inghilterra il «Gioca Jouer» fu ricantato dai Black Lace e il titolo fu cambiato in «Superman». Una maranzata che al confronto l'originale era un brano di musica classica. In ogni caso, e lo dico magari esagerando un po', alla fine di quel 1981 dissi a me stesso:«Be' adesso posso anche morire». Gli obiettivi che volevo raggiungere nello spettacolo li avevo toccati con mano...

(Si ringraziano www.incabrio.com e il quotidiano La Stampa)

più stretto di così non potevamo farlo...